Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Barcelona’

Ovviamente questo post è una marketta incredibile…

Ci penso da diverso tempo ed a un anno dalla fondazione eccolo: finalmente son riuscito a fare qualcosa per la mia carriera che mi dà molta soddisfazione. È un progetto che si chiama Vision80, è una SL – ovvero una società limitata (come una SRL Italiana) – lo seguo da Barcelona in “partnership” con mio fratello dalla Sicilia, quindi posso dire senza vergogna che è un’azienda internazionale. Ovviamente non è ancora una realtà che ci permette di comprare il nostro yacht battente bandiera delle Cayman, o di riindirizzare alcuni fondi verso banche svizzere – come è di moda in questi giorni. Ma è un’iniziativa che ci tiene impegnati e che per me soprattutto è importante per mantenere vivo il rapporto con la “madre-patria” Sicily.

Abbiamo fondato Vision80 SL principalmente per spalleggiare due progetti ecommerce che ci divertono molto: Vintage-Vision.com e Wooden.Ly . Inoltre ci occupiamo di consulenza a piccole e media imprese in merito a marketing online, strategie di ecommerce e media buying. Figo no?

Come nasce Vision80

Nasce con un primo tentativo di commercializzare occhiali vintage, su un sito che è molto conosciuto negli USA: Etsy. Creiamo VintageVision80 ,  ci riesce bene e ci diverte molto. Da lí, quindi, ne approfittiamo per aprire il nostro sito ufficiale (Vintage-Vision.com) e per pensare ad un nuovo progetto “eco-sostenibile”… ed ecco WoodenLy, occhiali di legno. Entrambi i siti sono in Inglese e ci rivolgiamo maggiormente ad un pubblico Nord-Europeo e Nord Americano. Siamo proprio internascional… l’ho già detto.

Ci dedichiamo molto a questi progetti: è molto stimolante, abbiam creato i nostri processi interni (le spedizioni vanno lisce come l’olio ad esempio) ed abbiamo diversi aneddoti sul rapporto con i fornitori che ci fan pisciare dal ridere.

Ogni tanto facciamo dei mercatini, come questo a Barcelona.

Ed in futuro?

Nel futuro spero che questa società diventi una bella realtà, aggiungere e dedicarci altri progetti, e magari aprire un piccolo ufficetto a Messina, approfittando del talento e della voglia di fare di tanti ragazzi che studiano all’università. E sottopagarli – ovviamente:- è la globalizzazione bellezza… 🙂

Read Full Post »

Per la serie… Sapevatelo! 🙂

Barcelona ha un “nickname”? Che ne so qualcosa tipo the Big Apple per New York?

Molti – anche gli stranieri che ci vivono – parlando o scrivendo SMS chiamano la città Barça:  “Sono tornato a Barça… da quando vivo a Barça…” etc.  Niente di più sbagliato. Barça è il Barça… ovvero la squadra di calcio, il Football Club Barcelona insomma.

Meglio non rivolgersi con questo temine ai veri Barcelonesi… potrebbero scuoiarvi! Gli abitanti infatti si rivolgono in modo amorevole nei confronti della loro città con il diminutivo “Barna” .

Voglia di vivere a Barna? check this video out!

BARCELONA SOME REASONS from nueve ojos on Vimeo.

Read Full Post »

Democrazia real Ya - Barcelona

Barcelona 21 Mayo - plaça Catalunya

All’urlo di “Democracia real Ya!” (Democrazia reale, adesso!) moltissimi spagnoli si sono riversati nelle piazze principali in tutte le città del paese. E soprattutto, alla vigilia delle elezioni amministrative. E’ una notizia su tutti i tg nazionali ed europei. La partecipazione popolare e spontanea a Madrid è impressionante, ma anche qua a Barcelona migliaia di persone sono andate a riunirsi a Plaça Catalunya per manifestare.

Mi sento di dare un mio commento e la mia testimonianza. Stanotte verso le 2 (!) anche io ed altri amici abbiamo fatto un salto in piazza e quello che ci siamo trovati davanti era impressionante. Plaça Catalunya strabordava di gente, soprattutto giovani,  molti salivano sul palco a dire la propria facendo un piccolo intervento, migliaia di persone sedute compostamente nel mezzo della piazza ascoltavano e davano il proprio consenso applaudendo o scuotendo le mani (come applaudono i sordo-muti), agli alberi tanti cartelli con dei messaggi di insofferenza (ma non di rassegnazione), in giro non c’era un poliziotto (in realtà erano nascosti dietro un angolo a poche centinaia di metri, li ho visti tornando a casa). C’erano molti perro-flautas (= punkabbestia 🙂 ) ma soprattutto tanta gente comune, di tutte le età. Non c’erano famiglie… ma alle 2 di notte è comprensibile.

Gli spagnoli sono stanchi ed indignati della crisi economica e della classe politica che sembra così distante dal popolo: PP o PSOE alle prossime elezioni? Per la maggior parte di quelle persone sono acronimi senza senso. Un sentimento di indignazione per una classe politica distante è ciò che ha spinto questa gente “a la calle” tramite passaparola attraverso i socialnetwork. Se poi ci mettiamo dei livelli di disoccupazione assurdi (30-40% se non sbaglio) e le cosiddette misure di “welfare” che andranno via via riducendosi, senza dimenticare i tagli ai servizi. La frittata è fatta.

Non sono forse gli stessi temi su cui ci stiamo confrontando in Italia? Gli italiani non sono forse stanchi di come viene gestita la democrazia nel “BelPaese” e delle misure anticrisi adottate dal governo?

Casualmente in questi giorni Beppe Grillo era a Barcelona per il suo tour europeo. Ha incontrato questi cittadini:

Penso che questi cittadini spagnoli stiano dando una lezione di civiltà: hanno dato vita alla #spanishrevolution (per definirla con l’hashtag di twitter) ma armonicamente ed in modo assolutamente pacifico. Sono così pacifici che non dicono nemmeno le parolacce, specialmente di fronte ai centinaia di bambini che questo pomeriggio affollavano le attività ludiche organizzate in piazza. Questa gente infatti non sta ciarlando e basta, non si sono solamente “accampati” in Plaça Catalunya a urlare contro il governo. Hanno dato vita a una forma di Democrazia partecipativa costituendo delle assemblee e dei punti in cui si può toccare e discutere delle tematiche sociali. Separano i rifiuti da riciclare, hanno creato mappe con dei grandi cartelloni e segnali “stradali”.

Sono esterrefatto dalla voglia di comunità che gli spagnoli stanno dimostrando. Sono indignati, forse incazzati, determinati ma civili!

Democracia Real Ya - Barcelona

Movimiento 15-M, Plaça Catalunya

In questi giorni mi son chiesto qual è il significato di tutto questo? Vale la pena? Tornerà tutto come prima?

Sì, ha senso. Manifestare è un simbolo di indignazione: fa uscire il popolo dal silenzio. Fa capire alla classe politica di essere pronti a dimostrare (pacificamente!) che ci si è rotti le scatole e si vuole  essere ascoltati.

Ovviamente in questa situazione vedo dei rischi e delle opportunità.

Opportunità: sicuramente la società spagnola ha la possibilità di  migliorare la coscienza della cittadinanza: tutti più consapevoli, tutti più partecipi. Inoltre un movimento popolare spontaneo svincolato da interessi “forti” può portare nuove idee e può porsi come promotore di progetti utili alla comunità. E’ anche un’opportunità per quella classe politica che davvero vuole il bene comune: questa gente ha molto da dire e ha soprattutto voglia di dire la propria. Va ascoltata.

Rischi: questo movimento ha un grosso potenziale: migliaia di persone che autonomamante si coinvolgono nella protesta. Vogliono dire la loro, voglio fare capire che vogliono partecipare della cosa pubblica… e vogliono essere resi partecipi . Purtroppo penso che senza strategia di medio e lungo periodo questo sforzo potrebbe risultare vano. Le “forze” contro cui si vuole lottare adesso aspetteranno che il fuoco di paglia si sia spento per tornare a fare i loro comodi o ad usare le vecchie tecniche di governo. Senza un programma preciso che includa obiettivi, una organizzazione e una revisione in corsa delle azioni intraprese, la sollevazione popolare difficilmente potrebbe portare buoni frutti.

Io spero che questo sia un primo passo per una società più cosciente.

Hasta la victoria! Siempre!

Read Full Post »

Dal 4 Novembre 2010 all’8 dicembre 2010, il CCCB di Barcellona (Centro di Cultura Contemporanea di Barcelona) ospita per la sesta volta consecutiva la mostra fotografica itinerante World Press Photo 2010. La mostra, che raccoglie le 170 foto vincitrici del concorso dedicato al fotoperiodismo dell’anno 2009, e’ considerata la piu’ importante del settore non solo per l’alta qualita’ delle foto, ma anche per il dibattito e la critica che segue dopo la visita della mostra.

Il suo obiettivo, infatti, oltre a quello di sucitare interesse per il fotoperiodismo,  e’ quello di informare la societa’ di alcune realta’ e problematiche sociali poco conosciute. E’ un invito alla riflessione sulla nostra societa’.

Ho visitato la mostra e devo dire che mi ha emozionata. Alcune foto sono la dimostrazione reale di un mondo a noi sconosciuto fatto di guerra, lapidazioni, esplosioni, un mondo che purtroppo troppo spesso viene nascosto ai nosti occhi.

Se siete interessati, vi consiglio di visitarla nelle prime ore di apertura, evitando cosi’ lunghe code che si creano in prossimita’ degli orari di chiusura della mostra.

Ecco qui uno spot riassuntivo della mostra:

Orari mostra:
Dal Martedi’ alla Domenica dalle 11 alle 20
Giovedi’: dalle 11 alle 22
Giorno di chiusura: lunedi’ non festivi

Read Full Post »

L’estate sta finendo… un anno se ne va…
Siamo ormai alla fine dell’estate (sulla carta), questo weekend non ha fatto altro che piovere e ho riflettuto un po’ su questa estate “due zero uno zero”, che è stata la mia prima qui a Barcelona.

Devo dire che sono rimasto molto colpito dal numero di giovani che vengono qui a passare le vacanze. Per una settimana, un weekend o un long weekend, da Giugno fino a Settembre la città straborda di ragazzi e ragazze di età 18-35. Provenienti da tutta Europa, ma anche dagli USA, le strade de la ciudad sono piene di gente che ha voglia di divertirsi e che cerca i posti più “cool” e soprattutto con le migliori offerte sui drink. La parola d’ordine è solo una “party-party-party”.

Ovviamente l’offerta di divertimenti è molteplice, la città è viva e propone una movida notturna senza eguali: pub, discoteche, bar, chiringuitos, beach party non lasciano delusi i milioni (ma sì esageriamo!) di giovani che vengono a Barcelona.

Anche se non sono un inguaribile viveur, riporto qualche dritta per la Barcelona by night: (altro…)

Read Full Post »

Con questo foto-post pubblico alcune immagini (amatoriali!) della città in cui vivo adesso: Barcelona. Una introduzione agli altri post che presto scriveremo sulla città. Spero che possano stuzzicare tutti i CosmoMeridionali a visitare o a venire a vivere nella capitale della Catalunya.

Un evento a cui non mancare: Font Magica

Plaça Espanya - Font Magica

Palau Nacional durante la Font Magica (altro…)

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: