Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘business’

Finalmente ieri mi sono allontanato dal deserto e dai 45 metri di cammino hotel-ufficio: le ragazze mi hanno portato a cena fuori e fortunatamente nello stesso posto andavano tutti quelli di un altro team e abbiamo fatto un gruppone. Subito dopo l’ufficio sono passato dall’hotel a prenotare un taxi per il ritorno e poi via sul SUV di una di loro… che ci vorrà… un quarto d’ora? Un’ora e quindici di percorso, come Messina-Aeroporto di Catania (“dai andiamo tutti in città!”). È anche vero che l’hotel e l’ufficio sono a 6 October city, una città dell’ hinterland del Cairo.

È proprio vero che il problema del Cairo è il thraffico come la Palermo di Johnny Stecchino: elhamdouh allah (Grazie a Dio) ho avuto occasione (e tempo) di avere altre prove: gente in bici sullo spartitraffico di una specie di via veloce a quattro corsie, altri zig zag, gente che attraversa l’autostrada a piedi e all’improvviso, dossi artificiali alti 1 metro che non sono segnalati: ad un certo punto tutti frenano e lo capisci. Traffico infernale, ma per fortuna la collega aveva una migliore guida dell’amico tassista che mi ha accolto all’ arrivo.

Il ristorante era molto bello e fighetto: proprio sulla riva del Nilo, frequentato dalla creme egiziana, fra cui anche me… tutti infatti mi dicono che sembro egiziano e si stupiscono. Forse pensano che i siciliani siano tutti alti biondi e con gli occhi azzurri.

Shisha (narghilè) a go-go e via pronti per una cena tipica: gli altri (ovviamente fighetti egiziani) hanno ordinato sushi (bleah!) cercando di convincermi di fare come loro. Ho preferito strafogarmi di antipasti tipici e di piatti tipici. Ho fatto tante foto al cibo come i veri turisti. I ragazzi sono tutti giovani (giovanissimi: fra i 22 e i 23 anni)… la nuova generazione egiziana che ha voglia di riscatto!

Non potendo aspettare che fossero ubriachi (!) mi sono lanciato subito sulle mille domande che avevo sulla loro cultura:

–          ho cominciato leggero: perchè alla TV quando si vedono immagini di arabi gridano sempre “Allah uakbar” (Dio è grandissimo). É usato per ogni occasione: se ammazzano Gheddafi, se celebrano una vittoria di una partita di calcio, se fuggono dalle pallottole in Siria ecc…

–          Risposta: è un modo di augurare che qualcosa vada per il meglio o per complimentarsi/celebrare un momento.

–          D: come funziona la preghiera quotidiana e perchè una ragazza prega e le altre no?

–          R: tutte pregano e nell’ufficio c’è una sala dedicata, si prega 5 volte e ti puoi organizzare come e quando vuoi. La ragazza che pregava in sala riunioni semplicemente non si era organizzata. Visto che ormai siamo in confidenza, un’altra oggi ha pensato bene di imitare l’altra in una pausa dal training. Dirigersi verso la Mecca è obbligatorio ma con qualche grado di flessibilità: in aereo o se si è in condizioni speciali in cui non si può conoscere la direzione. L’importante è il pensiero.

–          D: Il Velo. Perchè alcune lo indossano e altre no? Lo devono indossare obbligatoriamente se si sposano?

–          R: non è obbligatorio ma ci si aspetta che la donna arrivi a un punto nella vita in cui lo indossi. È come un passo spirituale. Indossare il velo presuppone alcuni limiti (=no bikini, no piscina, etc) e bisogna essere psicologicamente e soprattutto spiritualmente pronte. Molte – dopo essersi velate – tornano indietro. Mi hanno spiegato che nella cultura Musulmana la donna è come se fosse una cosa preziosa e quindi va salvaguardata attraverso un velo (come quando hai una cosa preziosa o qualcosa che ti piace e lo avvolgi con una carta particolare che la preservi dai fattori esrerni). Le Egiziane della classe media non sono obbligate, ma le ragazze comunque sono convinte e vogliono indossarlo, ma vogliono aspettare il momento giusto. Il Niqab (il velo che copre tutto il corpo e lascia solo gli occhi scoperti) spesso è invece una forzatura obbligata dalla famiglia/marito.

–          D:  com’è vivere in Egitto (specialmente per chi ha avuto esperienze all’estero o ha un genitore straniero) ?

–          R: bello, ma forse la cultura egiziana è ancora un po’ chiusa.

–          D: che ne pensano della Rivoluzione? Come si viveva ai tempi di Mubarak?

–          R: della rivoluzione sono tutti contenti e ai tempi di Mubarak la situazione non era molto differente da adesso. La nuova generazione di classe media vorrebbe la democrazia subito, ma riflettendoci meglio si rendono conto che sarà comunque un processo lento. Ci vorranno almeno altri 10 anni. Dopo Mubarak il paese è un po’ instabile (la sicurezza è diminuita perchè la polizia ha fatto “un passo indietro”). Mubarak controllava i media e gestiva un’oligarchia che ha contribuito ad impoverire ed a rendere più ignorante la popolazione. Ora tutti sperano nelle edizioni presidenziali di Giugno.

–          D: Condizione della donna Egiziana?

–          R: Le donne possono essere parlamentari o ministre o dirigenti di impresa, ma la cultura Egiziana è ancora machista (e l’italiana no?) e quindi c’è ancora molto da lavorare. L’uomo porta ancora i pantaloni

Un’altra cosa molto tipica dell’Egitto (mi dicono che a Dubai non è così) è che il fidanzato DEVE andare a chiedere la mano della figlia, incontrando la famiglia di lei e praticamente negoziando: “devi comprare la casa e comprare un anello di fidanzamento di x Lire egiziane, ecc,,,”. Anche se oggi a pranzo ho avuto dei pareri discordanti: altre due colleghe dicono che non vogliono questa formalità e già hanno detto a casa che quando arriverà il momento non chiederanno al fidanzato che faccia questo gesto.

Oggi ancora una giornata di lavoro intensa. La stanchezza si fa sentire e purtroppo il tempo stringe… ma avrei voglia di restare per prepare le ragazze al meglio.

Dopo il lavoro ho conosciuto il marito e il figlioletto di una di loro e poi ho fatto una passeggiata di 100 metri per avvicinarmi a una moschea e fare un paio di foto. Che avventura 😦 !

Curiosità. Ho scoperto oggi che la TV araba censura i film: taglia le scene “hot” (un bacio e via… pubblicità) e maschera le parolacce dei film in inglese con sottotitoli in Arabo.

Annunci

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: