Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘futuro’

Immagine

 

Ciao,

Come le buone maniere insegnano sono obbligato a presentarmi.

Mi chiamo Dario e conosco Cristiano e Angela da un po’ ..dal 2008 (?) insomma da quando vivevamo in terra di Romagna e si passavano i weekend estivi a grigliare carne in giardino. Poi le nostre strade si sono divise e di acqua sotto i ponti ne è passata.

Poco tempo fa, attratto da questo post, ho proposto a Cristiano di condividere con loro le “mie esperienze da expat”, dare consigli, suggerimenti e raccontare aneddoti a chi volesse sapere cosa si prova ad essere “al di là del confine” e soprattutto quali errori evitare.

Lungi dall’essere serio, è qui che la mia storia comincia.

 

Perché partire?

La prima risposta che leggerete sempre nei miei post è dipende (giuro non ho studiato filosofia). Ognuno di noi ha le sue motivazioni, ma una cosa è certa: generalmente si parte per scappare da qualcosa o per inseguire qualcosa (se vuoi trasferirti a Buccinasco o a Shangai, cambia poco qui).

Prendiamo me come esempio: sono oltre dieci anni che sono partito dalla mia terra (lo so, sono giovane dentro) e, ad oggi, ho vissuto in 6 città (se contiamo solo quelle in cui sono stato per più di 3 mesi), 4 nazioni e innumerevoli appartamenti con ancora più innumerevoli coinquilini.

Ogni mia partenza è sempre stata guidata da quella voglia di riscatto che forse caratterizza gli abitanti di tutti i Sud del mondo. Io sono partito per scappare da una terra che mi andava stretta, da una mentalità in cui non mi rispecchiavo e da un futuro incerto (non che a 30 anni abbia trovato la stabilità, ma questa è un’altra storia).

Non guardatemi come il Russell Crowe di Canosa, mi riferisco al non rassegnarsi ai compromessi che in quel dato momento mi si prospettavano, ma cocciutamente inseguire i miei sogni (che ovviamente negli anni si sono evoluti).

Ho visto troppi film generazionali, lo so.

Tutto questo ovviamente ha avuto dei sacrifici: niente proprietà che possano entrare in uno scatolone 50x40x70 (= no super tv, no fichissima collezione di vinili, no bici a scatto fisso artigianale, no scassata auto d’epoca), amicizie a volte spezzate, rapporti con il quartiere ogni volta da ricominciare (mi manca già il pizzaiolo egiziano e il suo sempre ben accetto vino scadente in attesa della pizza).

Il mio motivo di continua emigrazione è poter lasciare un piccolo segno nella storia, poter dire ai miei figli: sai che questo servizio/oggetto che tu ora utilizzi è stato anche un’idea mia?

Se avete dei sogni, se volete realizzare qualcosa, piccola o grande che sia, mettetevi in moto, pensate a come fare per riuscirci, e parlatene con tutti quelli che siano in grado di capirla: potrebbero darvi dei pareri o delle intuizioni utili, o in alternativa, parlarne potrebbe farvi capire che state dicendo cose senza senso.. insomma il vostro futuro è nelle vostre mani e se avete un sogno credibile da realizzare, avete tutte le carte per realizzarlo.

ps. il mio girovagare non è stato solo mega feste e gran saluti ai parenti: << Ciao, qui tutto bene, la vita è una figata, non voglio più tornare! >>. Anzi se non mi sono ancora fermato è anche perché ogni volta qualcosa non ha funzionato, ma invece di tornare a casa a testa bassa e rassegnare i sogni ad un cassetto (che poi, perché devono stare in un cassetto? e se io preferissi una mensola? o la cantina?), mi sono rialzato, con i miei tempi, e ho ricominciato a correre. Prima o poi arriverò al mio traguardo.

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: